Home / M3V / Notizie dall'Associazione / ASSOCIAZIONE METEOTRIVENETO INSTALLA STAZIONE METEO AL RIFUGIO CAMPOGROSSO 1457 MT
Stazione Meteo Rifugio Campogrosso

ASSOCIAZIONE METEOTRIVENETO INSTALLA STAZIONE METEO AL RIFUGIO CAMPOGROSSO 1457 MT

Stazione Meteo Rifugio Campogrosso

Articolo sull’installazione, da parte dell’Associazione Meteotriveneto, di una nuova stazione meteorologica presso il Rifugio Campogrosso, a 1457 metri s.l.m. nel territorio comunale di Recoaro Terme (Vicenza).

  

 

 

Cari amici/amiche

con grande gioia e, consentitecelo, con un pizzico di orgoglio vi annunciamo l’installazione, da parte dell’Associazione Meteotriveneto, di una nuova stazione meteorologica presso il Rifugio Campogrosso, a 1457 metri s.l.m. nel territorio comunale di Recoaro Terme (Vicenza).
Il Rifugio Campogrosso si trova in uno dei luoghi più piovosi di tutto il Triveneto: la testata della conca di Recoaro, detta anche “l’imbuto Veneto”. La stazione, in particolare, è posizionata a pochissimi Km di distanza e rispettivamente a 300 e 750 metri di altitudine più in alto delle stazioni meteorologiche ARPAV del Rifugio La Guardia e di Turcati-Recoaro, molto note, tra l’altro, per i 500 mm di precipitazione raccolti durante i giorni della drammatica alluvione del 2010. Posizionata praticamente alla sella che divide il Gruppo del Carega (alt. max 2259 m) e il Gruppo del Sengio Alto (alt. max 1899 m), a pochi metri dal passo di Campogrosso, che rappresenta anche il confine tra Trentino-Alto Adige e Veneto, è una delle stazioni più importanti mai installate in tutto il panorama della meteorologia amatoriale italiana e consultabile 24 ore su 24 in diretta con aggiornamento ogni 10 minuti.

Durante tutti i 12 mesi dell’anno, il Rifugio è punto di partenza e di appoggio per le migliaia di appassionati della montagna che si dedicano alle più semplici e gustose passeggiate estive, come pure ai più esperti rocciatori, alpinisti o scialpinisti che si cimentano sulle numerose vie o sui “vaj” del Carega e del Sengio Alto. D’inverno, in particolare, il Rifugio diviene meta frequentatissima soprattutto durante le nottate di luna piena, quando, grazie alle rinomate “ciaspolade” al chiaro di luna con partenza dal Pian delle Fugazze o dalla Guardia, arriva ad ospitare anche migliaia di persone durante una sola serata (oltre 2000 persone il record). Un luogo quindi di grande interesse pubblico, già monitoratabile direttamente da casa nostra da alcuni mesi, grazie alla stupenda webcam recentemente installata.

Un grande ringraziamento va al gestore del rifugio, il sig. Davide Ferro, che ha permesso tutto ciò con l’acquisto della stazione meteorologica. Un altro ringraziamento va a chi si è odoperato per far nascere questa collaborazione tra il Rifugio Campogrosso e MeteoTriveneto (il Presidente Filippo Mengotti -Philip-, il consigliere e tesoriere Daniele Noaro -husky- e il socio Samuele Pesavento -Prato Ventoso-) e coloro i quali hanno effettuato materialmente l’installazione (i consiglieri Stefano Zamperin -stefano_vi-, Alessandro Paoletto -AleAleTN -,- ed il socio Matteo Franzan -Matteo breganzese-). Un caloroso ringraziamento va anche al metereologo Davide Dalla Libera, che ha partecipato all’installazione e che nei prossimi giorni produrrà un video dell’installazione che sarà pubblicato sul sito meteo di Class Meteo.

Per la nostra Associazione è un grande onore poter contribuire in maniera così attiva al monitoraggio in diretta delle condizioni meteorologiche in tutto il Triveneto!

La stazione è già online da alcuni giorni. La pagina meteo ospitata sul sito ufficiale del Rifugio Campogrosso sarà pronta a giorni, mentre quella di Meteotriveneto è possibile raggiungerla a questa indirizzo: http://www.meteotriveneto.it/stazionime … rosso.html . Sarà presto online anche sulla rete MNW/CEM/M3V.

Ecco le caratteristiche climatiche della zona

La stazione è ubicata alla quota di 1457 metri slm presso il Rifugio Campogrosso, a pochi metri dal Passo di Campogrosso, la sella che divide il Gruppo del Carega (alt. max 2259 m) e il Gruppo del Sengio Alto (alt. max 1899 m), nell’ambito geografico prealpino delle “Piccole Dolomiti” . Il passo segna il confine tra Veneto e Trentino ed il Rifugio è raggiungibile tutto l’anno (o quasi, in caso di eccezionale nevicate) a piedi dal Pian delle Fugazze e in auto da Recoaro Terme. Sotto il profilo meteorologico, la stazione è installata in una delle zone più piovose del Triveneto, appena 300 metri più in alto della famosa stazione Arpav di Rifugio La Guardia, che nell’alluvione del 2010 collezionò ben 500 mm. Poco più sotto è situata anche l’altra stazione Arpav di Turcati Recoaro. La zona è soggetta a forte Stau in caso di venti di Scirocco in quanto l’arco prealpino delle Piccole dolomiti forma praticamente un muro da Sudovest a Nordest, creando l’effetto imbuto o catino ed in inverno è anche spesso soggetta a nevicate da stau da Est con vento di Bora. Oltre che piovosa, è anche una zona molto ventosa, non solo da SudEst o Est-NordEst ma anche da Nordovest con i venti di caduta dalla Gruppo del Carega.

Autore articolo:

admin

Lascia un Commento